Aristide Torrelli, fotografo fine art
Il mondo attraverso i miei obiettivi: luce, tecnica e visione

L’importanza della velocità di sincroflash



Fate click sul link. Verrete portati su Amazon. Tutti gli acquisti che fate su Amazon tramite il mio sito mi permetteranno di guadagnare qualcosa e continuare l'opera di divulgazione della fotografia in generale e quella digitale in particolare.


Ma che argomento è per un sito di fotografia di paesaggio? Bella obiezione ma nessuno di noi fotografa solo paesaggi, ci capita anche di fare foto di altro tipo, per scelta o perché richiesti. Allora una qualche divagazione è giustificabile. Un argomento molto richiesto riguarda l’uso del flash (su cui ho scritto anche un ebook che potete trovare qui) e, in particolare, che diavolo è la velocità di sincroflash e perché dovrei conoscere questo argomento.
La velocità di sincroflash è la velocità dell’otturatore più alta che è possibile utilizzare con un flash. Se provate ad usare una velocità maggiore avrete delle sorprese. Con fotocamere vecchie, diciamo degli anni ’80, otterrete delle foto esposte in parte e in parte nere. Con fotocamere moderne, tutte elettroniche, non potrete nemmeno impostare tale tempo perché la fotocamera sceglierà lei il tempo che ritiene corretto per le foto con il flash.
Ricordate che la velocità massima dell’otturatore (1/4000s o 1/8000s) è irrilevante, quella che conta, con il flash, è la velocità di sincroflash. La velocità di sincroflash è importante per due motivi:
1. Velocità elevate aiutano a congelare il movimento (ci vorrebbe almeno 1/500s, 1/250s non è il massimo);
2. Velocità di sincroflash elevate aiutano a bilanciare il flash con la luce del sole anche senza utilizzare flash ultrapotenti. Il flash di schiarita in luce solare diretta è critico per ottenere buoni scatti senza ombre profonde. Vi siete mai chiesti perché i fotografi del MotoGP (e non solo loro) hanno sempre un flash sulla fotocamera quando fotografano i piloti alla luce del sole? Perché la luce solare diretta è dura e richiede una schiarita.
Una velocità di sincroflash elevata ci permette di scattare con diaframmi aperti, richiedendo meno potenza al flash. In questo modo il flash si ricarica più velocemente. Inoltre, cambiare gli ISO non ci aiuta perché è importante il rapporto tra luce ambiente e luce flash e su questo rapporto gli ISO non hanno influenza. Ecco perché:

Immagine reperita in rete

L’esposizione è uguale all’area sotto ogni curva. L’area relativa all’intensità della luce ambiente si incrementa in base al tempo di esposizione (asse orizzontale). La quantità di luce flash, invece, non cambia perché la durata di un lampo è, di solito, di 1/1000 di secondo. In realtà ci sono flash che emettono la luce in 1/700 s e in più, se controllati dal processore interno o della fotocamera, possono emettere lampi molto più brevi ma per ragionare va bene così. Allora, se la velocità di sincroflash aumenta, l’esposizione alla luce ambiente aumenta ma il contributo del flash rimane uguale. Con velocità di scatto più lunghe si usano diaframmi più chiusi per mantenere l’esposizione corretta. Occorre, però, più potenza dal flash per poter “competere” con la luce ambiente a diaframmi chiusi. I flash a batteria non hanno potenze esagerate ed è per loro difficile lavorare in presenza di luce solare diretta e con basse velocità di sincroflash . Sono quasi sempre costretti ad operare a piena potenza e quindi necessitano di più tempo per ricaricarsi, oltre a fare meno lampi con una carica di batterie. Ecco un elenco di punti da tenere sempre presenti:

- Il lampo è istantaneo e dura circa 1/1000s. Il contributo della luce flash è indipendente dalla velocità di otturazione. Solo la distanza, il diaframma e la sensibilità ISO hanno influenza.
- Il contributo all’esposizione da parte della luce ambiente varia con la velocità di otturazione ma non con la distanza dal soggetto. ISO o diaframmi differenti non cambiano il rapporto tra la luce ambiente e la luce flash.
- Cambiare diaframma o ISO non cambia il rapporto tra la luce ambiente e la luce flash. I fattori che lo cambiano sono la distanza, la velocità di otturazione e la potenza del flash.
- Se potete utilizzare una velocità di sincroflash più alta, potete usare ISO più alti o diaframmi più aperti per mantenere la stessa esposizione dell’ambiente incrementando l’impatto della luce flash. Molti flash a batteria non hanno la possibilità di competere con la luce del sole a meno di essere molto vicini al soggetto. Velocità di sincroflash più elevate vi permettono di allontanarvi dal soggetto o di usare meno potenza. Usare meno potenza significa aumentare la vita delle batterie e ridurre il tempo di ricarica.
- Usare ISO più bassi o aperture più grandi non aiuta a meno di poter utilizzare velocità di sincroflash più elevate per mantenere l’esposizione alla luce ambiente invariata.

Esempio 1: potete ridurre la potenza utilizzata dal flash usando ISO più alti. Dovrete perciò usare diaframmi più chiusi per mantenere costante l’esposizione alla luce ambiente perché non potete superare la velocità di sincroflash . Poiché usate diaframmi più chiusi a ISO più alti, avete necessità della stessa potenza del flash. ISO più alti non migliorano la vita della batteria e non vi fanno illuminare più lontano (ricordate che stiamo parlando di utilizzare flash e luce ambiente e non solo il flash).
Esempio 2: ISO più bassi vi permettono di usare diaframmi più aperti, ottimo per i ritratti, ma non velocizzano il tempo di ricarica né incrementano la portata del flash. Se impostate ISO più bassi e usate diaframmi più aperti, avete bisogno della stessa potenza dal flash. Una velocità di sincroflash più elevata vi permetterebbe di avere più portata o di utilizzare meno potenza dal flash, con diaframmi aperti.

Non ci sono svantaggi nell’avere una velocità di sincroflash più elevate, avete semplicemente più opzioni a disposizione. In fondo potete sempre usare velocità più basse con il flash.
A bassi livelli di illuminazione, sono necessarie basse velocità di otturazione per catturare abbastanza luce ambiente e la velocità di sincroflash non è un limite. E' invece critica per usare il flash come lampo di schiarita in esterni alla luce del sole.


I vantaggi di una velocità di sincroflash elevata

Fermare il movimento
A velocità di sincroflash più basse, tipo 1/60, è più facile ottenere il mosso in foto di oggetti in movimento. Altra storia ad 1/500s.
La profondità di campo
Con velocità di sincroflash più elevate potete usare diaframmi più aperti mantenendo la corretta esposizione per la luce ambiente.
Massima distanza raggiungibile dal flash
Aperture maggiori fanno entrare più luce flash, cosa che vi permette di illuminare un soggetto più lontano. Se il vostro sincroflash è 1/125s, passare a 1/250s vi permette di aprire di un diaframma e quindi di incrementare la portata di circa il 40% (moltiplico per 1,4). Se passate da 1/125s a 1/500s, potete aprire di due diaframmi, con ciò raddoppiando la portata.
La vita delle batterie
Diaframmi più aperti fanno entrare più luce flash e perciò, per una data distanza, occorre meno potenza dal flash. Quindi si usa meno potenza dalle batterie per ricaricare ilo flash. Ricordate che i flash di questi ultimi venti anni almeno, hanno un circuito interno che mantiene la carica non utilizzata nel lampo.
Il tempo di ricarica del flash
Poiché si richiede meno potenza per un singolo scatto, ci vuole meno tempo per ricaricare il flash.
La massima frequenza di scatto
Non potete fare un altro scatto se il vostro flash non si è ricaricato. Se si ricarica velocemente, potete scattare velocemente.
La possibilità di usare flash più piccoli
Per ogni diaframma d’incremento della velocità di sincroflash, avete bisogno di metà della potenza dal flash. Perciò può bastare un flash più piccolo, addirittura quello incorporato nella fotocamera, se c’è.





Fate click sul link. Verrete portati su Amazon. Tutti gli acquisti che fate su Amazon tramite il mio sito mi permetteranno di guadagnare qualcosa e continuare l'opera di divulgazione della fotografia in generale e quella digitale in particolare.



Aiutatemi ad aiutarvi

Vi è piaciuto il tutorial? Lo avete trovato utile? Se il mio sito è per voi utile come un libro che avreste dovuto comprare o un workshop che avreste dovuto frequentare, pagando, allora permettetemi di continuare ad aiutare tutti. Se non lo avete ancora fatto, fatelo adesso. E' bello che ci siano persone come voi che mi permettono di continuare ad aggiungere conoscenza al sito. Grazie.


Politica per la privacy e i cookies del sito

©2006 - Aristide Torrelli