Aristide Torrelli, fotografo fine art
Il mondo attraverso i miei obiettivi: luce, tecnica e visione

Dual Pixel AF



Fate click sul link. Verrete portati su Amazon. Tutti gli acquisti che fate su Amazon tramite il mio sito mi permetteranno di guadagnare qualcosa e continuare l'opera di divulgazione della fotografia in generale e quella digitale in particolare.



Giorni fa ho ricevuto una richiesta di chiarimenti sul funzionamento del Dual Pixel AF di Canon. In effetti non ci avevo mai riflettuto, in fondo è un miglioramento dell'autofocus ma per me, che spesso scatto in modalità di messa a fuoco manuale, non una cosa che mi cambia la vita.
Canon utilizza questo sistema fin dalla 70D e lo ha inserito anche nella sua 5D Mark IV. L’autofocus dual pixel su una full frame, mantenendo il Servo AF (l’autofocus continuo a inseguimento), è un grosso passo in avanti che promette di migliorare enormemente l’AF e la sua accuratezza anche in modo Live View e negli scatti singoli.
Il sistema va in aggiunta al classico sistema a rilevazione di fase utilizzato nello scatto tradizionale, con inquadratura dal mirino e specchio abbassato.
Nell 5D Mark IV, per la prima volta, il Dual Pixel AF si trova su un sensore FF e continua a offrire l’autofocus Servo per le immagini statiche. Insomma, sembra un grande miglioramento sia per le foto statiche che per le immagini in movimento.
Si, ma come funziona?
Ecco lo schema del sensore del Dual Pixel CMOS AF di Canon.

Schema del Dual Pixel AF

Lo strato superiore è composto dalle micro lenti che raccolgono la luce e dalla matrice di Bayer che serve per creare i colori (ricordate che il sensore “vede” in bianco e nero).
Lo strato inferiore mostra come ogni pixel sia diviso in due, sinistro (blu) e destro (rosso).
I colori blu e rosso NON indicano una differenze sensibilità ai colori, servono solo a far vedere che il pixel è "diviso" in due.

Alce americana, Denali National Park, Alaska, 2013

Il sensore Dual Pixel AF divide i suoi 30 mega pixel in due. Una metà riceve la luce dalla parte destra dell’ottica, l’altra metà dalla sinistra. Per produrre l’immagine finale, le coppie di pixel sono combinate per dare in uscita un’immagine da 30 megapixel.
Tuttavia il poter confrontare la luce che entra da destra con quella che entra da sinistra permette alla fotocamera di offrire l’AF a rilevazione di fase anche con lo specchio alzato, cosa molto importante durante l'utilizzo della fotocamera con il Live View, per la superiore precisione e velcoità di questo tipo di AF rispetto agli altri.
Poi, magari, il futuro ci ofrrirà qualcosa di ancora più interessante e performante!





Fate click sul link. Verrete portati su Amazon. Tutti gli acquisti che fate su Amazon tramite il mio sito mi permetteranno di guadagnare qualcosa e continuare l'opera di divulgazione della fotografia in generale e quella digitale in particolare.



Aiutatemi ad aiutarvi

Vi è piaciuto il tutorial? Lo avete trovato utile? Se il mio sito è per voi utile come un libro che avreste dovuto comprare o un workshop che avreste dovuto frequentare, pagando, allora permettetemi di continuare ad aiutare tutti. Se non lo avete ancora fatto, fatelo adesso. E' bello che ci siano persone come voi che mi permettono di continuare ad aggiungere conoscenza al sito. Grazie.


Politica per la privacy e i cookies del sito

©2006 - Aristide Torrelli