Aristide Torrelli, fotografo fine art
Il mondo attraverso i miei obiettivi: luce, tecnica e visione

Qual è l’ISO massimo a cui posso scattare senza problemi?



Fate click sul link. Verrete portati su Amazon. Tutti gli acquisti che fate su Amazon tramite il mio sito mi permetteranno di guadagnare qualcosa e continuare l'opera di divulgazione della fotografia in generale e quella digitale in particolare.


Ieri mi è arrivata l’ennesima email in cui mi chiedevamo quale ISO massimo si può utilizzare su una certa macchina (o sensore). Secondo me è il modo scorretto di ragionare sugli ISO. Ragionate così: qual è l’ISO più basso che potete impostare senza impatto sulle decisioni relative alla pdc (diaframma) e congelamento o meno del movimento (tempo)?
Il problema di alzare gli ISO (e della poca luminosità, perché gli ISO li alzo quando ho poca luce) è che entra in gioco pesantemente il rumore. Immaginate di non avere il rumore di lettura, il rumore termico e così via e di osservare solo il rumore dovuto ai pochi fotoni e alla loro casualità di arrivo (vedi mio articolo xxx). Il livello di rumore è uguale alla radice quadrata del numero di fotoni convertiti perciò, se catturate 100 fotoni, il rapporto S/N (segnale/rumore) vale 10. Se ne catturate 10.000, S/N=100.
Ora, per (relativamente) piccoli incrementi degli ISO, diciamo fino a 400 o 800, l’impatto sulla qualità d’immagine è visivamente nullo sulle stampe. Dopo un po’, tuttavia, l’effetto del rumore si fa sentire e rende meno accettabile l’immagine. Più alzo gli ISO e più ho del rumore e il rapporto S/R si abbassa e diminuisce la gamma dinamica utilizzabile dell’immagine. Andate sul sito di Bill Claff (http://www.photonstophotos.net) e cliccate il primo link, chiamato Photographic Dynamic Range Chart. Nella schermata che si apre, sulla destra, scegliete un apparecchio fotografico.

ISO - Range Dinamico della Canon EOS 5D mark II

A sinistra vedrete una curva disegnata su un piano cartesiano che riporta sulle ascisse gli ISO e sulle ordinate la gamma dinamica utilizzabile in diaframmi. Perché la domanda che vi siete posti all’inizio non è su quali ISO impostare ma quale gamma dinamica mi occorre per la mia immagine. Con questa domanda (e la curva di cui sopra) la risposta è semplice.
Per me, che voglio la massima estensione possibile, 100 o 200 ISO al massimo, oppure cambio corpo macchina e ne compro una con un sensore più performante, così posso salire anche a 400 o 800 ISO. Il metodo usato da Bill Claff non è lo stesso di DxO ma, come questo, tiene in considerazione il risultato finale, in questo caso la gamma dinamica. Non è un numero che non ci serve a niente ma un qualcosa che ci da indicazioni utili.
Perché certo il display lcd dietro la nostra fotocamera non può aiutarci. Per quanto ottimo possa essere, è sempre un 3” e sull’immagine non vedete il rumore. Se ingrandite allora state osservando i singoli pixel in un modo non normale e anche il rumore che vedere sull’lcd potreste non vederlo in stampa (o su un monitor 5K come quello del mio iMac 27”). E torniamo ancora alla domanda iniziale a cui posso rispondere solo per me stesso, perché, per quel che vi riguarda, non so se stampate e quanto grande e non conosco la vostra tolleranza al rumore.
Considerate che io stampo le mie immagini inizialmente a 33x48,5 cm, il formato A3+, e poi se mi occorre, le faccio stampare 50x70 cm o più grandi. Perciò la valutazione iniziale è sul 33x48,5 che poi è il formato di tutta una serie di stampanti inkjet di qualità elevatissima che troviamo comunemente negli studi di fotografi professionisti. Per molte persone quello è anche il massimo formato a cui stamperanno perché i loro clienti non hanno necessità di stampe più grandi.
Una stampa 30x45 su carta A3+, inserita in un passe partout 45x60 e poi incorniciata, ha una dimensione che sta bene sulle pareti di un salone e non scompare perché troppo piccola. Inoltre, se visualizzo in Lightroom un’immagine a riempire lo schermo, sul mio 5K ottengo una dimensione praticamente pari all’1:1. Riesco pertanto benissimo e vedere l’eventuale rumore, concentrandomi sul rumore di crominanza e tralasciando quello di luminanza che in stampa assomiglia alla grana della pellicola. Sto inoltre attento a eventuali variazioni di colore dovute all’innalzamento degli ISO e all’amplificazione elettronica. Inoltre io osservo la stampa da una distanza inferiore a quella di visione usuale e con una lente di ingrandimento perciò se non vedo problemi così, a maggior ragione non li vedrò in condizioni normali. Ricordate comunque che in bassa illuminazione tutto è difficile e anche se vi piacerebbe avere almeno sei diaframmi di gamma dinamica non sempre ci riuscirete.
Torniamo sempre all’esposizione, è lei che determina quanti fotoni arrivano sul sensore. L’esposizione è l’ammontare di luce di una scena, luce che viene “filtrata” dal diaframma e poi filtrata dal tempo di esposizione. La sensibilità ISO non c’entra niente!
Perciò se il rumore è il problema da evitare non dovete aumentare gli ISO ma aggiungere luce alla scena o aprire il diaframma oppure aumentare il tempo di esposizione.
L’aumento della sensibilità ISO è l’ultima risorsa e se quel che ottenete vi piacerà o no dipende da quanti fotoni saranno catturati dal vostro sensore e da quanto è recente. Quelli più vecchi, infatti, sono molto più proni al rumore termico e al rumore di lettura. E ovviamente anche le dimensioni contano, più è grande il sensore meglio è!

Aiutatemi ad aiutarvi

Vi è piaciuto il tutorial? Lo avete trovato utile? Se il mio sito è per voi utile come un libro che avreste dovuto comprare o un workshop che avreste dovuto frequentare, pagando, allora permettetemi di continuare ad aiutare tutti. Se non lo avete ancora fatto, fatelo adesso. E' bello che ci siano persone come voi che mi permettono di continuare ad aggiungere conoscenza al sito. Grazie.


Politica per la privacy e i cookies del sito

©2006 - Aristide Torrelli