Aristide Torrelli, fotografo fine art
Il mondo attraverso i miei obiettivi: luce, tecnica e visione

Neri profondi, dipingere con la luce



Fate click sul link. Verrete portati su Amazon. Tutti gli acquisti che fate su Amazon tramite il mio sito mi permetteranno di guadagnare qualcosa e continuare l'opera di divulgazione della fotografia in generale e quella digitale in particolare.



C'è una linea guida comune a tutti i corsi/libri di fotografia, che l'istogramma perfetto dovrebbe assomigliare ad una curva a campana, alta nel mezzo, e che si assottiglia verso i bordi per toccare delicatamente la linea di base ad entrambe le estremità.
Sciocchezze.
Sciocchezze? Si, sciocchezze. Ma come, mi direte, se anche tu consigli in vari tuoi articoli di comportarsi proprio in quel modo. Ma allora non sei coerente.
No. Quel che viene comunemente detto e che io anche ho condiviso è che, se siete agli inizi, è meglio avere un istogramma a campana. Perché? Perché un istogramma a campana vi dice che avete il contrasto sotto controllo. Ma quando evolvete come fotografi, le situazioni cambiano, volete fare con il contrasto cose più elaborate e per questo l’istogramma a campana non è più quello ideale.
Supponiamo di guardare l'immagine su un televisore, in particolare uno a tubo catodico, sapete, quelli non piatti, con una protuberanza posteriore per … Guardate la figura, capirete subito!

Il link vi porterà a una pagina del Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci.
(I TV CRT, Cathode Ray Tube, tubo a raggi catodici, non sono più in commercio che io sappia).

(I TV CRT, Cathode Ray Tube, tubo a raggi catodici, non sono più in commercio che io sappia). L’immagine potrebbe sembrare abbastanza buona, ma se si spegne il televisore, è probabile che si noti qualcosa di curioso. La parte anteriore dello schermo è probabilmente di colore grigio. Quando ci pensate, il colore della superficie è il colore più scuro che la TV può visualizzare. Con tutti i colori che si accendono e combinano, lo schermo proietterà il bianco. Con tutti i colori completamente spenti, quello che si vede è il colore di base dello schermo. Quanto vicino al nero puro dipende dalla luminosità minima, proprio come la sua capacità di rendere il bianco puro dipende dalla massima luminosità possibile. Con il passare degli anni, i produttori di tv hanno migliorato la loro tecnologia di produzione per consentire matrici di sfondo più scure e le pubblicità per tali tv hanno reclamizzato i benefici in termini di contrasto migliorato. Rendi più scuri gli sfondi e così rendi più scure le ombre più scure nell'immagine. E così hanno continuato a venderci nuovi modelli di TV.
Un fenomeno simile può essere visto in una mattina nebbiosa guardando verso il fondovalle. Più guardate in lontananza, più avrete bisogno di guardare attraverso la foschia, più saranno sbiaditi i neri. Tali scene a basso contrasto possono avere il loro fascino, ma sarebbe una sfortuna se fossimo limitati solo a questo. Un mondo senza contrasto significa un mondo in cui tutto si fonde in uguaglianza. Ma potete anche sperimentare la stessa cosa quando guardate la maggior parte delle fotografie. Il contrasto che vedete è la gamma di toni utilizzati nella sua creazione. E la mancanza di contrasto può portare a un'immagine che si fonde con tutte le altre piuttosto che una che si distingue dal gruppo.
Eppure la saggezza comune dice che un istogramma ideale rimane lontano da entrambe le estremità per paura del clipping, il taglio delle alte e/o delle basse luci. La maggior parte dei lavori introduttivi sulla fotografia vi insegnerà a puntare su un istogramma a forma di classica curva a campana, alta e larga al centro, e inclinata verso il basso ad entrambe le estremità, che non va mai a sbattere contro il muro del nero puro o bianco puro. Questo mi ha sempre incuriosito.

Petroglifi umani, Death Valley


Certo, molte persone non fisserebbero direttamente il sole per paura di danneggiare le loro retine, quindi raramente incontriamo il bianco puro e bruciato. Forse lo incontriamo quando andiamo in posti come Santorini o Ostuni, con le loro case bianche di calce che riverberano sotto il sole alto del giorno. Suppongo, perciò, che potremmo. Ma per quanto riguarda il nero puro? Mentre guardate fuori in una giornata di sole, i vostri occhi cercano di compensare il cambiamento di luminosità dilatando e contraendo la pupilla a seconda delle necessità per consentire l’entrata a più o meno luce. Non tendiamo a notarlo perché il processo è automatico. Ma se così non fosse, le ombre cadrebbero più rapidamente nel nero profondo. Anche in questo caso, le ombre scure sono una parte completamente normale e attesa della vita di tutti i giorni. Le luci eccessivamente bruciate non sono normali (vi è mai capitato di dire “Vedo sovresposto?”. Non credo. Piuttosto, in presenza di forte illuminazione, strizzate gli occhi per compensare), ma le ombre scure lo sono. Eppure ci viene insegnato a evitarle con le nostre macchine fotografiche e nei nostri istogrammi.
Io dico nuovamente: sciocchezze.
Proprio come con quei televisori che vendono di più perché mostrano neri più neri, il contrasto vende anche in fotografia. Un'immagine con il giusto contrasto si staglia contro un mare di quelle che non sono contrastate allo stesso modo, come l'occhio è attratto dal miglior schermo nel muro dei televisori del negozio. Ora, dobbiamo fare una distinzione tra l'immagine catturata dalla fotocamera e l'immagine risultante stampata o presentata nella sua forma finale. Se vi occorre avere dettagli in qualche area, è meglio scegliere un'esposizione che mantenga i dettagli lì. Le ombre nell'immagine originale che sono troppo scure non contengono più dettagli nascosti da estrarre. Non sono mai stati registrati, quindi semplicemente non sono lì per ritocchi successivi su Lightroom.
Ma nelle aree che sapete che saranno visualizzate in ombra, quindi molto scure e senza dettagli, praticamente nere, non preoccupatevi della perdita di dettagli nell'immagine ripresa dalla fotocamera.
E quando fate le regolazioni in Lightroom, sentitevi liberi di spingere ancora più dettagli nelle ombre, nascondendoli, se questo rafforzerà l'impatto dell'immagine su cui state lavorando. Rendete quelle aree più nere. Un'immagine può essere semplificata e resa più forte nascondendo nell'ombra parte dei dettagli non necessari. Nell'era della pellicola, la Fuji Velvia era famosa per le sue ombre scure, ricordate? E Velvia vendeva alla grande.
Oggi vediamo fotografi che usano tecniche High Dynamic Range (HDR) e creano immagini come se il mondo non avesse ombre. Guardate bene le immagini HDR, quel loro essere a contrasto molto basso, con tutto illuminato.
Io dico che è tempo che i fotografi tornino alle ombre scure e le abbraccino con gioia. Le ombre dovrebbero poter essere misteriose. Dovrebbero tentare l'occhio a farlo guardare nell'ombra e contemporaneamente fargli distogliere lo sguardo. Ma ancora più importante, le ombre scure possono creare lo sfondo accanto al quale possiamo porre colori che così risaltano ancora di più.
Seguite il consiglio della curva a campana standard per gli istogrammi e perderete l'opportunità di un contrasto migliore che vi offre la possibilità di giocare con l'oscurità.
Siate audaci con il contrasto.
Permettete alle ombre di cadere nel nero profondo.
È solo quando usate i neri più profondi che potete iniziare a dipingere con la luce.

Ho passato 40 anni a scoprire che la regina di tutti i colori è il nero.
(Henri Matisse)





Fate click sul link. Verrete portati su Amazon. Tutti gli acquisti che fate su Amazon tramite il mio sito mi permetteranno di guadagnare qualcosa e continuare l'opera di divulgazione della fotografia in generale e quella digitale in particolare.



Aiutatemi ad aiutarvi

Vi è piaciuto il tutorial? Lo avete trovato utile? Se il mio sito è per voi utile come un libro che avreste dovuto comprare o un workshop che avreste dovuto frequentare, pagando, allora permettetemi di continuare ad aiutare tutti. Se non lo avete ancora fatto, fatelo adesso. E' bello che ci siano persone come voi che mi permettono di continuare ad aggiungere conoscenza al sito. Grazie.


Politica per la privacy e i cookies del sito

©2006 - Aristide Torrelli