Aristide Torrelli, fotografo fine art
Il mondo attraverso i miei obiettivi: luce, tecnica e visione

Che fai quando ti senti "vuoto"?



Fate click sul link. Verrete portati su Amazon. Tutti gli acquisti che fate su Amazon tramite il mio sito mi permetteranno di guadagnare qualcosa e continuare l'opera di divulgazione della fotografia in generale e quella digitale in particolare.



A volte tutto va alla grande. Tutto ciò che tocchi diventa oro e le idee arrivano più velocemente di quanto tu sappia cosa farci. Altre volte no, per niente. Stai lì, nel mezzo di uno di quei posti così straordinari da non poter fare una brutta fotografia e ti senti un idiota perché l'unica cosa che hai fatto sono… brutte foto! Sentirsi vuoti è la peggiore sensazione per una persona creativa . La vita creativa però è un ciclo di alti e bassi, un ritmo di idee ed esecuzione che ha, nei suoi punti bassi, il nulla. È qui che dubitiamo di qualunque cosa abbiamo mai pensato di sapere su noi stessi, il nostro potenziale e il nostro lavoro, sia quello fatto che quello da fare in futuro. Può essere la nostra morte creativa. Non faremo mai più un'altra bella fotografia. Non riusciremo mai più a scrivere qualcosa che valga la pena leggere. Chiudiamo gli occhi e desideriamo davvero richiamare la musa dell’ispirazione ma siamo ricompensati solo con la testa vuota e la sensazione che forse è il caso di fare altro. Capite cosa intendo, no? Beh, ricordatevi che è normale. Anzi, è necessario. È importante che, con una certa frequenza, guardiamo nei cassetti e scopriamo di aver esaurito tutte le nostre precedenti idee e ispirazioni. Significa che abbiamo spremuto la spugna. E significa che ora c'è spazio per nuove idee. Quel vuoto significa fame. Non è la sensazione di essere affamati che non ci piace: è la paura che non ci sia un pasto che ci aspetta. Tranquilli, c'è sempre un pasto dall'altra parte. È lì, solo che non possiamo vederlo, ora. Ecco cinque modi che possiamo utilizzare per ritrovare la nostra creatività.

Usate quel che avete
Chi dice che abbiamo bisogno di una grande idea per iniziare un ottimo lavoro? Iniziamo pure con una pessima idea. Preferisco iniziare con un'idea così così, ma promettente. Ma le idee non vengono al mondo così la maggior parte delle volte. Non aspettatevi di riempire sempre il vuoto con una buona idea. Riempitelo però con un'idea con cui potete giocare, un'idea che crescerà e diventerà qualcosa. Se aspettate che le buone idee arrivino già cresciute, aspetterete per sempre! Esplorate con la macchina fotografica, senza idee preconcette. Giocate. Troppo spesso i nostri sforzi creativi si concentrano su qualcosa che stiamo facendo e non danno abbastanza spazio al gioco. Togliamo un po 'di pressione.

Aumentate gli stimoli
Il cervello è una fabbrica di idee e nessuna fabbrica può realizzare qualcosa senza materie prime. Se volete più idee, allora aumentate o migliorate le materie prime. Cosa state leggendo? Quali fotografie o arte visiva state studiando? State riempiendo il cervello con la stessa roba vecchia? Leggete solo articoli che rafforzano ciò che già credete o siete aperti a essere sfidati?
Cambiate quel che fate.
Leggete un romanzo che è molto al di fuori delle vostre solite preferenze, guardate documentari su grandi artisti, leggete qualcosa di istruttivo che è al di fuori del vostro genere. Leggetevi una biografia su Picasso o su Pollock.
Quel che esce da voi è buono quanto quel che entra.
Io leggo tanto, anche un paio di libri a settimana e se smetto di leggere mi sento sempre vuoto.

Guardate al di più
Quando siamo in piena enfasi creativa, c'è spesso un di più, un surplus di grandi idee potenziali. Di solito ne prendiamo un paio per andare avanti nel nostro progetto e eliminiamo le altre perché non adatte. Ma questa idea poco adatta ora, potrebbe essere perfetta per il futuro. Ho sempre un taccuino e una penna con me. Contiene il mio di più. Certo, ci vuole disciplina, ma importante è iniziare. Il mio taccuino ha alcuni simboli che segnano nuove idee (una lampadina) o domande (una D maiuscola o un ?), qualcosa che vedo con un potenziale immediato (!!!, tre punti esclamativi) o idee su cui lavorare (quadrato piccolo / casella di spunta). Come nuove idee entrano, faccio questi segni in modo da poterli ritrovare più tardi. Nei miei periodi di vuoto, tiro fuori un taccuino e lo sfoglio, spesso ritrovando idee che avevo dimenticato. Queste idee diventano il mio punto di partenza. E parto. Ho provato anche a farlo con strumenti elettronici, app o programmi per computer, ma non ho mai ottenuto gli stessi risultati e sono sempre tornato a carta e penna.

Create elenchi Fate una lista ogni giorno. Il cervello è un muscolo che muove idee e l'esercizio delle liste è un modo potente per costringerlo a estrarre nuove idee. Ricordate, non devono essere buone idee. Solo idee. Fate una lista di dieci cose che potreste fotografare oggi, o dieci cose creative da fare con la vostra prossima sessione di ritratti, o dieci articoli che potreste scrivere, o 100 modi in cui potreste guadagnare 500€.
Per iniziare, forse dovreste fare una lista di 50 liste che potreste creare. Le prime idee scorreranno. Sono quelle più ovvie. Poi sarà più difficile. Verso la fine uscirà di tutto. Il vostra cervello si ribellerà: "Queste idee sono stupide!"
Ignoratelo.
Siete vuoti, ricordate? Se il vostro cervello avesse qualcosa di meglio da offrire, a questo punto avrebbe parlato. Il vostro cervello ha avuto la sua possibilità. È più facile criticare una cattiva idea che chiudere la bocca e finire la lista. Ricordate questo: le idee sono sempre combinazioni di altre idee. Più riuscite a inventare (esercitare il cervello), più forte sarà e più sarà in grado di non ascoltare la voce negativa.
La mia ultima lista riguardava nuovi modi in cui avrei potuto guadagnare di più. Includeva cose assurde. Agirò mai su una di quelle idee assurde? Ovviamente no.
Ma l'esercizio mi aiuta a pensare in modo più obliquo, non escludendo nulla. Potete rimuovere le idee assurde in seguito, ma se vi portano alle cose buone, hanno servito al loro scopo. Quando andate in palestra e salite sul vogatore è perché volete allenarvi al canottaggio? Per la maggior parte di noi, il canottaggio non è l'obiettivo; lo è l'esercizio dei muscoli che poi usiamo per altre cose.
Fare liste è un modo per allenare i muscoli dell’ideazione.

Rubate Ma come, ho appena detto che le idee assurde non vengono lavorate e poi vi propongo un illecito? No, assolutamente no. Non vi sto chiedendo di introdurvi furtivamente in un appartamento e portare via i preziosi. Dovete rubare in senso figurato.
Identificate un progetto o un'idea che amate, qualcosa che avete visto fare da qualcun altro. E’ il vostro punto di partenza. Non cercate di replicare quel lavoro, usatelo come punto di partenza. Non c'è da vergognarsi nel trovare qualcosa che amate e cominciare da lì. Fate una lista di dieci fotografi che amate, trovate una delle loro idee e iniziate da lì. Non so dove porterà, ma so che se non iniziate da qualche parte e non siete disposti a iniziare con un’idea qualsiasi, non andrete da nessuna parte.

Conclusione Quello che non dovete fare è prenderla sul personale. Ogni persona creativa ha spremuto completamente la spugna ogni tanto. Ok, siete a secco. E allora? Avete scritto qualcosa di buono in passato? Lo farete di nuovo. Avete fatto delle belle fotografie in precedenza? Le farete di nuovo. Le idee che hanno portato a quei progetti in passato non sono state estratte da un'offerta speciale, distribuita da una musa capricciosa come fosse Babbo Natale che vi premia perché siete stati buoni. Quelle idee provengono dal vostro stupefacente cervello, una fabbrica di idee che potete controllare, allenare e alla cui produzione potete contribuire grandemente.





Fate click sul link. Verrete portati su Amazon. Tutti gli acquisti che fate su Amazon tramite il mio sito mi permetteranno di guadagnare qualcosa e continuare l'opera di divulgazione della fotografia in generale e quella digitale in particolare.



Aiutatemi ad aiutarvi

Vi è piaciuto il tutorial? Lo avete trovato utile? Se il mio sito è per voi utile come un libro che avreste dovuto comprare o un workshop che avreste dovuto frequentare, pagando, allora permettetemi di continuare ad aiutare tutti. Se non lo avete ancora fatto, fatelo adesso. E' bello che ci siano persone come voi che mi permettono di continuare ad aggiungere conoscenza al sito. Grazie.


Politica per la privacy e i cookies del sito

©2006 - Aristide Torrelli